Una poesia per Claretta

Una cortese signora spagnola ci ha inviato una lettera con una poesia dedicata a Claretta Petacci. Riteniamo doveroso, ormai prossimi all’anniversario dell’uccisione dell’amante del Duce, pubblicarla integralmente:

Estimad@s señor@s: les envío un soneto en el que nombro a Clara Petacci más o
menos directamente, les envío la traducción al italiano que ha hecho un amigo
mío junto al original en español.

Les saluda muy cordialmente

Teresa

Il colore della pioggia si è addormentato
nell’angolo sinuoso del mio viso,
linciata dal paese come Clara,
tremula davanti al tempio dell’oblio.

Sono ombra di donna immacolata
che avvolge le soffitte e li bacia
e a chi dà la mano e a chi duole
squartare la culla e il reticolato.

Argenti mangerò nella sepoltura,
nasconderò il mio pianto nella pazzia,
il nero quasi puro se non fosse

per la schiuma di un mare e il suo arbitrio,
il gabbiano che vola sopra il fiume
e sa che non esiste già la riva.

El color de la lluvia se ha dormido
en la esquina sinuosa de mi cara,
linchada por el pueblo como Clara,
temblorosa ante el templo del olvido.

Soy sombra de mujer inmaculada
que azota los desvanes y los besa
y que le tiende la mano y que le pesa
descuartizar la cuna y la alambrada.

Azogue comeré en la sepultura,
esconderé mi llanto en la locura,
el negro casi puro si no fuera

por la espuma de un mar y su albedrío,
la gaviota que vuela sobre el río
y sabe que no existe la ribera.

8 pensieri su “Una poesia per Claretta

  1. Luigino Di Priamo

    Claretta Petacci, è stata un eroina, poteva anche non raggiungere il “Duce”, pur sapendo che seguirlo significava morire, perciò onoriamo questa signora d’altri tempi.
    Gigi Balilla

    Replica
  2. Chiaredda

    Non capisco proprio come si possa considerare la Petacci un’eroina. Personalmente penso che solo per il fatto che fosse l’amante di un’uomo come Mussolini, sia disgustoso. Sono entrata in questo sito per delle ricerche scolastiche, ma leggere queste cose non m’è piaciuto proprio…ma va bè ognuno ha le proprie idee!!

    Replica
  3. Leonida.Laconico

    Per il disgustato, quanto disgustoso CHIAREDDA.
    Quando una donna dimostra tutto il suo affetto, un raro acume, un’abnegazione totale ,seguendo Benito, non in feste da ballo o gite turistiche, ma nell’infernale clima di una guerra civile, fino al sublime sacrificio della propria vita, merita di appartenere ad un Mito nei millenni !
    Questo signore che immagino legato al mondo della scuola si renda conto che è stato sicuramente complice, visti i risultati di una Gioventù ormai allo sbando totale, di famigerati indirizzi della Scuola e di una Società materialista e corrotta che Benito non avrebbe permesso.
    Leonida.Laconico@Inbox.Com

    Replica
  4. Miriam

    Estimada Chiaredda: Siento que una persona como usted no llegue a comprender , el significado de palabra amor. So pena usted es priva de poesía ,de sentimientos, dignos de estos resultados de esta juventud moderna,mas yo creo que mejor sufrir y morir por amor , que nunca haber conocido este sentimiento. Claretta siguió su hombre hasta la muerte merece respecto por encima de todo.

    Replica
  5. luciano

    Egregia/o Chiaredda, come la capisco, meglio commuoversi a storie da pretty woman, salvo poi indignarsi se le commette il proprio partner, sono più chic….

    Replica
  6. Luigino Di Priamo

    Clara Petacci è sepolta a Roma al Cimitero del VERANO, il sottoscritto di tanto in tanto vado a fargli visita, recitando anche una preghiera, la sua mortefu una vergogna per quell’Italia che vuole chiamarsi resistenza, io giudico questa signora una vera ed eroica persona, volle morire con il “DUCE”, che amava fino a farsi uccidere, la sua figura rimarrà nella storia per sempre. Gigi Balilla

    Replica

Rispondi a andrea del frate Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>